La tv è morta!

Inserito il 23 maggio 2012 da videogamers



“Vita delle famiglie gestite dalla Vita del grande schermo”

Se gli abitanti dell’Italia fossero un milione, il numero dei televisori in loro possesso con molta certezza sarà il quadruplo. Sto ipotizzando, ma non so quanto mi distacchi da quest’ipotesi. Sono sicuro che in ogni famiglia ci siano almeno due televisori. E li comprendo! Come si potrebbe fare a meno dell’ennesima e interessante nuova puntata di Domenica In, Amici o altri programmi ridicoli? C’è da stupirsi per la varietà che propongono in ogni nuova puntata. Che dire dei Reality Show? Sono la rivoluzione nel mondo della televisione e l’importante è che ognuno proponga un luogo nuovo dove mettere in mostra ennesimi personaggi riesumati chissà da dove. Non voglio allungare troppo il discorso riguardo al mondo della televisione dei giorni d’oggi, rischierei di mettere al centro della discussione la feccia della televisione, quindi meglio evitare. Quello che posso affermare è che la televisione ha creato un modello di famiglia composto dal papà che osserva i quiz show (non male l’esibizione delle ballerine), la mamma interessata a vedere la miliardesima puntata tra le tantissime soap opera, la figlioletta osservare talent show o altro e il figlio a giocare con la PlayStation. Tuttala famiglia è contenta, tutta la famiglia è divisa. Ogni singolo membro è rinchiuso nel proprio universo offerto dalla televisione della propria stanza. Grazie alla famosa scatola quadrata (adesso potremmo chiamarla scatola piatta) il tempo passato in compagnia della famiglia diminuisce sensibilmente. Vale la pena starsene davanti alla TV e mettere da parte le basi e le ideologie di una famiglia?

La TV è morta! La maggior parte delle trasmissioni televisive dei giorni nostri sono spazzatura pura. Credevate morta nel senso di un guasto tecnico? Provate a immaginare la felicità della mamma, papà della figlioletta e del figlioletto… Che ne dite di allontanarsi dalla tv per qualche ora al giorno? Potrebbe essere una buona occasione per trascorrere una serata diversa in compagnia della propria famiglia. Che cosa potrebbero fare tutti insieme? Arrivo al dunque, ho pubblicato quest’articolo su un sito che diffonde la cultura del videogioco e che vuole evidenziare le potenzialità dell’intrattenimento videoludico… secondo voi non potrebbe essere una valida alternativa unirsi attorno al videogioco?

Fin dagli anni ’80 i giochi da tavola (o più comunemente di società) sono riusciti a riunire famiglie e amici. Un passatempo che adoro e che coltivo tuttora. Questo genere di giochi si trova anche nel mondo dei Videogames sotto il nome di “multiplayer-game”. Una forma di gioco di società digitale che nasconde enormi potenzialità. Sono tanti i giochi che possono coinvolgere più giocatori e i party game sono il genere che si avvicina maggiormente all’idea del gioco di società. La varietà di giochi appartenenti a questa categoria è molto ampia e sicuramente troverete quello adatto a voi e che coinvolga grandi e piccini. Ogni console propone nel proprio catalogo titoli in cui è possibile giocare in multiplayer. Nintendo Wii, PlayStation 3 e Xbox 360 potranno coinvolgervi con giochi di avventura, di ballo, di canto o dove si potranno suonare degli strumenti di una band musicale! Il Wii della Nintendo, grazie ai controller con sensori di movimento è riuscito a rendere il controllo più immediato, Sony con Move e Microsoft con Kinect hanno seguito la filosofia dettata dalla Nintendo. E gli altri giochi da gestire con il joypad?  State tranquilli e non mettetevi paura, dopo un po’ di pratica dimenticherete di averlo in mano e vi assicuro che il divertimento è assicurato e la serata trascorsa in compagnia della propria famiglia sarà senza dubbio diversa per il semplice motivo di essersi ritrovati tutti insieme.

Adesso ritorniamo alla normalità, i vostri rispettivi televisori vi stanno aspettando. Secondo voi, era davvero possibile che quattro milioni di televisori si rompessero tutti quanti contemporaneamente?

Lorenzo Schirò

FacebookShare

3 Comments For This Post

  1. Lorenzo Schirò Says:

    Spero vivamente che il videogioco diventi un mezzo d’intrattenimento che riuscirà a coinvolgere l’intera famiglia e che riesce a far allontanare la gente da tutto quello che trasmette la televisione…

  2. Donato Belfiore Says:

    Che la tv sia popolata da una marea di spazzatura è una cosa ahimè risaputa da tutti, la famiglia ormai per via di programmi di ogni genere è portata a frammentarsi e a guardarla separarsi. I videogiochi potrebbero essere un luogo di incontro però non so secondo me non ci vedo molto i padri e le madri almeno dai 40 anni in su a giocare con i propri figli ad un videogioco… boh forse mi sbaglierò.

  3. Alek Says:

    Beh sinceramente è una cosa che potrebbe succedere, già con la Wii si è visto molto questo avvicinarsi in famiglia, ne ho le prove, ho vissuto determinate esperienze. Certo non tutti saranno propensi a cominciare a giocare ai videogames ma è una cosa che in grande percentuale può accadere. Tu donato, ti sei scordato che anche mio padre a 50 anni gioca con la PS3 e ci ha giocato anche con me, la mamma di pier e pier non giocano assieme? Credo sia già qualcosa, la tv comunque ormai è risaputo che è morta, ormai c’è di meglio ad intrattenere la gente! Un esempio? I videogames sono il modo migliore per riavvicinare anche le famiglie!

Leave a Reply

seguici su facebook seguici su twitter google+ youtube
Solo su Videogamers.it
Il Draken
Advertise Here
Blog Italiani Il Bloggatore
Advertise Here

CALENDARIO

luglio: 2019
L M M G V S D
« gen    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031